Seminario: Morte e Rinascita

IMG_6447

L’esperienza della Nascita è profondamente legata alla paura della morte, rappresenta il salto nell’ignoto dell’anima che si incarna e si appresta a vivere un’esperienza terrena, dimentica della sua reale natura. L’ingresso in questo mondo è gravato dal peso del bagaglio personale e quello derivante dall’albero genealogico. Inoltre il dolore per la perdita altrui ha cristallizzato gran parte della nostra energia fissando il dolore dell’abbandono e la nostalgia del passato. Affrontare la Morte, cambiare prospettiva, spogliarsi dell’abito costituito dall’immagine riflessa di noi stessi è un passaggio evolutivo fondamentale per smettere di credere nella fine inesorabile delle cose e imparare a fluire e accettare la trasformazione incessante della vita. Lo schema di nascita è fondamentale nella vita di ciascuno poiché si imprime profondamente nella coscienza del bambino determinandone uno schema di comportamento che reitererà tutta la vita. Già nel 1924 Otto Rank stampa il libro ” Il Trauma della Nascita”, dimostrandosi un precursore nella comprensione dell’imprinting potente che questo evento, dal concepimento alla fase dell’allattamento, esercita sulla struttura mentale dell’essere umano determinandone pensieri e comportamenti. Lo schema di nascita è lo schema della nostra vita. Rivivere la propria nascita significa ricontestualizzare un evento ricco di implicazioni emotive e liberarsi da condizionamenti e pensieri limitanti. L’energia liberata ritorna in circolo e va ad alimentare una nuova consapevolezza di se. Lo schema di Nascita (comprendente concepimento, gestazione, parto, fase post-natale) è una cristallizzazione di una serie di meccanismi compulsivi che ripetiamo inconsciamente ogni giorno, tutte le volte che ci innamoriamo di qualcosa o qualcuno, quando iniziamo una nuova relazione, quando scegliamo di cambiare qualcosa, quando lasciamo una persona, quando cambiamo casa, quando prendiamo una decisione, quando facciamo l’amore, quando lavoriamo, quando programmiamo un viaggio, quando mangiamo. Si può dire che riproponiamo tale schema in continuazione. Inoltre la fase di allattamento, che è evidentemente legata al nutrimento, influenza la capacità di dare e ricevere in generale, legata quindi alla sessualità, al successo, al denaro e al lavoro. E’ fondamentale per chi vuole divenire artefice consapevole della propria esistenza conoscere e sperimentare la conoscenza del proprio schema di nascita sciogliendo l’energia congelata in quel momento per renderla disponibile per uscire dai meccanismi compulsivi, conseguire con successo i propri obiettivi in ogni campo, migliorare le proprie relazioni e rendere più appagante la propria esistenza. L’esperienza è composta da una parte teorica e da una serie di esercizi preparatori, dopodichè ogni partecipante avrà la possibilità di essere seguito singolarmente nell’esperienza di ” Attraversare la Morte e Rivivere la propria Nascita”. Il Seminario ha la durata di due giorno e sono ammessi un numero limitato di iscritti . Programma: – La Morte come Trasformazione nella visione sciamanica e spirituale – Morti rituali e iniziatiche – Stabilire una connessione con la propria storia ancestrale, con il proprio albero genealogico e Sciogliere i nodi che ci impediscono di progredire -Trasformare e superare gli schemi ripetitivi che abbiamo ereditato dai nostri genitori e dai nostri antenati e derivanti dal nostro schema di nascita – Superare il trauma della Morte altrui – Rivivere la propria Nascita Sabato dalle 10:00 alle 18:30 e dalle 21:00 alle 00:00 Domenica dalle 10:00 alle 18:00 Insegnante: Sabrina Vaiani – Marco Maci

Eterea di Sabrina Vaiani – Via Roma 317/q , presso Via Roma Gallery int.6, Prato (PO)
Tel. 347.6122316 – info@eterea.it – P.Iva e C.F. 02127180970
-
Please follow and like us:

Calendario 2016/2017

CALENDARIO 2016/2017
La scuola Eterea® si propone in maniera innovativa. Offre una formazione basata sulle discipline olistiche suddivisa in 3 anni. Ha lo scopo di formare operatori con un equilibrio interiore ed energetico in grado di essere d’esempio, coerenti con quello che propongono e sostengono come filosofia di vita. L’operatore olistico è un catalizzatore della trasformazione interiore. E’ una figura professionale che, attraverso l’applicazione delle discipline naturali, aiuta la persona a ritrovare l’armonia psico-fisica e favorisce il naturale processo di equilibrio delle forze interiori . Le materie che vengono proposte permettono all’operatore di acquisire preziosi strumenti di ricerca, di conoscenza e di sostegno dell’altro. Proprio per questo lo studente avrà la possibilità di apprendere tecniche di meditazione, movimento e riequilibrio energetico. Al termine del corso di formazione triennale verrà sostenuto un esame che comprenderà la conoscenza di tutte le discipline proposte e verrà rilasciato un Diploma. Al termine di ogni anno accademico verrà rilasciato un attestato di partecipazione dopo un test di verifica. E’ previsto un praticantato che consente di sperimentare quanto appreso. Il sistema di studio è concepito in maniera moderna e flessibile. Ciò permette allo studente di poter organizzare il suo percorso a seconda delle sue esigenze. Ci sono alcuni corsi consequenziali ed altri monotematici, che possono essere frequentati singolarmente.

I ANNO 2016/2017
26/27 Novembre 2016: Seminario Crystal Mind I -18 ore-
14/15 Gennaio 2017: Crystal Mind II -18 ore-
11/12 Febbraio 2017: Crystal Mind III -20 ore-
11/12 Marzo 2017: Anatomia Sottile -16 ore-
08/09 Aprile 2017: Alchimia e Spagiria -16 ore-
20/21 Maggio 2017: Alchimia e Meditazione -16 ore –
11/12 Giugno 2017: Enneagramma -16 ore –
15/16 Luglio 2017: Anatomia e Fisiologia -16 ore-
16/17 Settembre 2017: Enneagramma II -16 ore –
14/15 Ottobre 2017: Cristalloterapia -16 ore-
11/12 Novembre 2017: Massaggio Sonoro -16 ore –
03/04 Dicembre 2017: Massaggio Metamorfico -16 ore –
Test di fine anno e discussione -20 ore-
Tot ore 220
Praticantato 100 ore Approfondimento 80 ore
Tot ore 400 ( seminario facoltativo: le sette porte dell’anima 100 ore)
Ogni seminario è monotematico e frequentabile singolarmente
Il nostro Ente è stato iscritto con i codici SC 119/12 e SC 120/12 nell’Elenco Nazionale S.I.A.F. degli Enti Formativi per la qualità della formazione erogata valida per l’inserimento dei propri studenti nel Registro di categoria professionale
nazionale S.I.A.F. Armonizzatori familiari, Counselor, Counselor olistici, Operatori Olistici, Naturopati, per l’ inserimento dei propri studenti nei registri di attestazione di competenza professionale degli Operatori Olistici S.I.A.F
II ANNO 2016/ 2017
17/18 Dicembre 2016: Iridologia I – 16 –
28/29 Gennaio 2017: Iridologia II -16 –
11/12 Marzo 2017: Medicina Tradizionale Cinese -16 ore-
25/26 Marzo 2017: Iridologia III -16 –
08/09 Aprile 2017: Alchimia e Spagiria -16 ore-
21/22 Maggio 2017:Alchimia e Meditazione -16 ore
10/11 Giugno 2017: “Crystal Essence” Gemme Alaskiane -16 ore-
15/16 Luglio: Floriterapia Australiana -16 ore-
16/17 Settembre 2017: Fitoterapia -16 ore-
14/15 Ottobre 2017: Medicina Tradizionale Cinese -16 ore-
11/12 Novembre 2017: Massaggio Sonoro -16 ore-
16/17 Dicembre 2017: Tecniche di Meditazione – 16 –
Test di fine anno e discussione -20 ore-
Tot ore 220
Praticantato 130 ore Approfondimento 150 ore
Tot ore 500

III ANNO 2017
28/29 Gennaio 2017: Iridologia II -16 –
24/25 Febbraio 2017: Iridologia III -16 –
11/12 Marzo 2017: Medicina Tradizionale Cinese – 16 –
08/09 Aprile 2017: Alchimia e Spagiria -16 ore-
20/21 Maggio 2017: Alchimia e Meditazione – 16 –
10/11 Giugno 2017: Crystal Essence ” Gemme Alaskiane -16 ore-
15/16 Luglio: Floriterapia Australiana -16 ore-
16/17 Settembre 2017: Fitoterapia -16 ore-
14/15 Ottobre 2017: Medicina Tradizionale Cinese -16 ore-
11/12 Novembre 2017: Alimentazione e Dietetica Cinese -16 –
16/17 Dicembre 2017: Tecniche di Meditazione – 16 –
20/21 Gennaio 2017: Tecniche di Respirazione Circolare – 16-
Esame di Verifica per Accedere alla Discussione Tesi Finale
Tot ore 200 ore
Praticantato 150 ore – Preparazione Esame Finale 150 ore .
500 ore
TOTALE ORE 1500
SEMINARI EVENTI SETTEMBRE/DICEMBRE 2016
– Da Venerdi 26 a Domenica 27 Agosto 2016: Seminario IL LUME DELL’IO
in Toscana presso Agriturismo
– Seminario di ARTETERAPY: Sabato 10 e Domenica 11 Settembre 2016
(1/2/3 anno )
DOMENICA 25 SETTEMBRE 2016 dalle 17:00 in poi INAUGURAZIONE NUOVA SEDE VIA ROMA 317/Q/R/S/T/U
– Serata a tema : Meditazione I chakra: martedì 27 settembre 2016 ore 21:00
– PRESENTAZIONE “ETEREA” Scuola di Naturopatia e Tecniche Energetiche: Giovedì 29 settembre 2016 ore 21:00 in via Roma 317/q/r/s/T/u
– Seminario ” Attraversare la Morte e Rivivere la propria Nascita”:
Sabato 01 e Domenica 02 Ottobre 2016
– Seminario ” I Fiori di Bach”: Sabato 08 e Domenica 09 Ottobre 2016 presso nostra sede ( I anno)
– Serata a tema : Meditazione II chakra: Martedì 11 Ottobre 2016 ore 21:00
– DA MERCOLEDI 12 a VENERDI’ 21 OTTOBRE
Seminario ” Le sette porte dell’anima” a MILOS in Grecia.
– Floriterapia: ” I Fiori Californiani”: Sabato 22 e Domenica 23 Ottobre 2016 (2 anno)
– Serata a tema : Meditazione III chakra: Martedì 25 ottobre 2016 ore 21:00
– Seminario di Cristalloterapia: Sabato 05 e Domenica 06 Novembre 2016 (1 anno)
– Serata a tema : Meditazione IV chakra: Martedi 08 Novembre 2016 ore 21:00
– Serata a tema : Meditazione V chakra: Martedì 22 Novembre 2016 ore 21:00
– Seminario di Cromopuntura: Sabato e Domenica 27 Novembre 2016
– Seminario: Enneagramma II ” Le idee Sacre”: Sabato 03 e Domenica 04 Dicembre 2016
– Serata a tema : Meditazione VI chakra: Martedì 06 Dicembre 2016 ore 21:00
– Serata a tema : Meditazione VII chakra: Martedì 20 Dicembre 2016 ore 21:00

Corsi Settimanali
Corso Wing tsung Lunedì e Mercoledi 18:30-20:00
Corso di Qi gong: Martedi alle 9:00 e Mercoiledi alle 13:30
Corso di Yoga in Volo Martedì e Giovedì dalle 1830 – 20:00
Corso di Teatro Mercoledì dalle 18:30 alle 20:00
Corso di Yoga : orario da definire.

Please follow and like us:

Presentazione della Scuola

 

IMG_3306

Con grande piacere vi invitiamo alla

 Presentazione di Eterea Scuola di Nutraceutica e Tecniche energetiche

Giovedì 29 Settembre 2016 alle ore 21:00    

 presso la nostra sede in Via Roma 317q/r/s/t/u/v a Prato

Il percorso che proponiamo è un intenso viaggio verso l’integrazione e la crescita
interiore. Un Risveglio di se stessi e delle proprie capacità, una strada verso la
consapevolezza. Vuole essere un percorso di formazione alternativo che permetta allo studente di apprendere gli strumenti necessari a destrutturare la propria personalità per far emergere l’essenza, oltre ad acquisire le conoscenze e gli strumenti adeguati per poter divenire un Professionista delle discipline olistiche ed avere solide basi.

La scuola Eterea si propone in maniera innovativa. Offre una formazione basata sulle discipline olistiche suddivisa in 3 anni. Ha lo scopo di formare operatori con un equilibrio interiore ed energetico in grado di essere d’esempio, coerenti con quello che propongono e sostengono come filosofia di vita. L’operatore olistico è un catalizzatore della trasformazione interiore. E’ una figura professionale che, attraverso l’applicazione delle discipline naturali, aiuta la persona a ritrovare l’armonia psico-fisica e favorisce il naturale processo di equilibrio delle forze interiori . Le materie che vengono proposte permettono all’operatore di acquisire preziosi strumenti di ricerca, di conoscenza e di sostegno dell’altro. Proprio per questo lo studente avrà la possibilità di apprendere tecniche di meditazione, movimento e riequilibrio energetico. Al termine del corso di formazione triennale verrà sostenuto un esame che comprenderà la conoscenza di tutte le discipline proposte e verrà rilasciato un Diploma. Al termine di ogni anno accademico verrà rilasciato un attestato di partecipazione dopo un test di verifica. E’ previsto un praticantato che consente di sperimentare quanto appreso. Il sistema di studio è concepito in maniera moderna e flessibile. Ciò permette allo studente di poter organizzare il suo percorso a seconda delle sue esigenze. Ci sono alcuni corsi consequenziali ed altri monotematici, che possono essere frequentati singolarmente. Il percorso che proponiamo è un intenso viaggio verso l’integrazione e la crescita interiore. Un Risveglio di se stessi e delle proprie capacità, una strada verso la consapevolezza. Vuole essere un percorso di formazione alternativo che permetta allo studente di apprendere gli strumenti necessari a destrutturare la propria personalità per far emergere l’essenza, oltre ad acquisire le conoscenze e gli strumenti adeguati per poter divenire un Professionista delle discipline olistiche ed avere solide basi.

www.eterea.it
Info@eterea.it
Tel. 3476122316

IMG_3306

Please follow and like us:

Schema di Nascita

bambina_farfalla_296

Liberare l’Essenza  da quei condizionamenti che ci rendono schiavi di idee e istinti ripetitivi, passa dalla conoscenza del nostro imprinting primario, ovvero lo schema di nascita

Esso è formato da:

Concepimento – Fase intrauterina – Travaglio e parto – fase post-natale.

Nelle relazioni queste fasi si ripetono in modo inconsapevole, sempre. Perciò sembra evidente che se tutto questo schema è stato un disastro, il risultato che ne deriverà sarà una vita oltremodo difficile.

Specialmente in passato questa fase appena descritta non veniva considerata minimamente perché venivano formulate 2 considerazioni errate: la prima è che il bambino non è influenzato da pensieri, parole ed eventi che si verificano in tutta la fase della gravidanza e della nascita.

La seconda è che l’essere umano non può ricordare tali eventi.

Oggi sappiamo bene che queste credenze si sono rivelate false e che , non solo il bambino interpreta tutte le sensazioni e gli eventi di quel periodo, ma dalle sue considerazioni scaturiscono quelle che vengono definite credenze di base. Inoltre sappiamo che esiste una memoria corporea che registra ogni sensazione e ogni evento traumatico considerandolo potenzialmente pericoloso,  stimolando inconsciamente reazioni automatiche e stereotipate per garantire la sopravvivenza. 

Per questo motivo, le circostanze del nostro concepimento sono la base per creare un numero illimitato di schemi inconsci: il concepimento è l’inizio di qualcosa e che quindi le circostanze del nostro concepimento si replicheranno nell’inizio delle nostre relazioni.

Ecco, in breve,  alcuni esempi concreti:

Un concepimento illegittimo può spingere l’individuo ad essere portato verso relazioni clandestine.

Un concepimento non pianificato può provocare la tendenza a cadere a caso negli eventi ( più esattamente l’impressione), non c’è consapevolezza nell’inizio delle cose

Se ci sono difficoltà economiche dovute all’arrivo del bambino egli può tradurre tali eventi con la sensazione o la tendenza a causare disagi e ad altri nel futuro, mentre se il bambino viene concepito per tenere un partner o per altri motivi simili il bambino si sentirà, o sarà soggetto, a manipolazione da parte degli altri.

Se il concepimento è deciso con lo scopo di salvare un matrimonio tenderà a voler risolvere i problemi degli altri e a desiderare che tutti ,  specialmente le coppie, possano, tramite lui, trovare gioia e tranquillità. Tuttavia potrebbe, ovviamente, avvenire anche la reazione contraria e questo bimbo, da adulto potrebbe , invece, essere motivo di rotture o separazioni.

Se non è voluto penserà di non essere amato e di essere al posto sbagliato al momento sbagliato e si comporterà di conseguenza .

Se è di sesso non voluto avrà paura di deludere e di essere deluso, avrà difficoltà con persone dello stesso sesso, tenderà a comportarsi come il sesso opposto

Se ha rischiato di essere abortito sentirà molta rabbia e risentimento nei confronti della vita e delle donne in particolare.

Ovviamente ci sono dei momenti che rivestono una grande importanza per il bambino; il primo momento è quando la madre si accorge di essere incinta; le reazioni sono innumerevoli e tuttavia riassumibili in “ che bello”  oppure “ che disastro”.

Il bambino interpreterà queste sensazioni sviluppando il pensiero “il mondo mi ama, mi vuole mi accetta oppure no”, ovviamente riferito in particolar al mondo femminile poichè quando toccherà al padre  interpreterà la sua reazione e formulerà lo stesso pensiero nei confronti del mondo maschile.

La gravidanza è lunga e in questo periodo possono accadere tanti eventi.

La scelta del nome ad esempio è un momento di grande importanza perché in quel momento i genitori entrano in comunicazione tale con il piccolo da tradurre la vibrazione che lo rappresenta con una serie di suoni articolati che diverranno il suo nome.

Quindi se non c’è un’attenzione o una consapevolezza tali da permettere questo scambio, il bambino potrebbe avere la sensazione che il nome che porta non lo rappresenti..

In questi nove mesi il bimbo percepisce le emozioni e i pensieri dei genitori,alcuni diverranno propri. Ciò accade perchè bambino entra in risonanza profonda con il bagaglio genetico del padre e della madre.

Gli Studi preziosi  e le applicazioni delle Costellazioni familiari di  Bert Hellinger  hanno confermato  quanta influenza possono avere gli Avi e gli eventi che gli hanno coinvolti e che sono rimasti sospesi o irrisolti.

E ‘ ovvio che la scelta dei genitori e del loro bagaglio non è casuale, è perfetta anche quando sembra una scelta terribile.

La mente “razionale” non comprende che per l’anima che vive l’esperienza esiste solo luce nel momento della scelta dell’esperienza stessa, non esiste il pensiero che definisce  giusto o sbagliato,buono e cattivo. Queste considerazioni subentrano dopo, nel momento del primo respiro, quando viene preso pieno possesso del corpo e l’Ego prende “forma” allora divengono , o meglio “sembrano”, reali tutte le considerazioni, i pensieri e le emozioni vissute durante la gestazione . Le idee si cristallizzano in una struttura che consentirà alla mente di sviluppare la sua configurazione.

Trascorsi questi 9 mesi nel crogiolo uterino si giunge al momento più forte e intenso della nostra vita, così scioccante che la paura della morte non è altro che il ricordo della propria nascita, il ricordo di quella caduta dalla libertà all’oblio .

Esistono vari tipi di parti e ognuno offre uno schema di comportamento differente che verrà reiterato fino al momento in cui non sarà consapevolizzato e l’energia cristallizzata in quel pensiero, non verrà recuperata e rimessa in circolo ai fini dell’evoluzione.

Esempi:

Parto pilotato: solitamente non sopportano di essere spinti e tardano sempre a mettersi in moto. Spesso sono diffidenti perché hanno la sensazione di essere manipolati o ingannati e spesso accade realmente perché gli eventi rispecchiano i pensieri e le paure di questo essere.

Parto trattenutoerano pronti e sono stati trattenutiSono arrabbiati e aspettano sempre l’ultimo minuto per agire. Come i pilotati, pensano: “non posso avere le cose quando le voglio io”.

Parto Podalico: mancanza di senso dell’ orientamento, tendenza a fare le cose al rovescio, paura di ferire. Spesso i podalici sono anticonformisti e ribelli, vogliono andare contro le regole e sovvertirle. Possono essere rivoluzionari e innovatori.

Parto con Anestesia: il pensiero potrebbe essere” per avere successo devo essere un po’ addormentato”. Sognatori, sempre un po’ nelle nuvole, hanno il senso dell’infinito. Alcolici, sedativi e drogheSono spesso soffocati dalle relazioni. Talvolta hanno difficoltà a vivere in tempo presente perché non hanno ben capito cosa è successo nel cambiamento più importante.

Parto Rapido: risolvono facilmente le cose, ma corrono in continuazione. Fanno tutto rapidamente.

Parto Lento: sono lenti. Pensano che la vita sia difficile, perché sono stati tanto in canale parto.

Prematuro: non sono mai pronti: si sentono soli e separati, osservati e giudicati se sono stati messi in incubatrice.

Cordone intorno al collo: più escono e più soffocano. Si sentono soffocare nelle relazioni. Fanno del loro meglio per mettersi in situazioni a rischio, ma reagiscono bene nei momenti critici.

Gemelli: il primo tende a dirigere, il secondo a collaborareSono estremamente uniti. Problemi legati alla scarsità di spazio vitali.

Asciutto: senso di colpa nei confronti della madre, collera, rifiuto del contatto

Normale: tendono a pensare di non essere niente di speciale.

Fase post-nascita:

-separazione fisica aggravata che può far sviluppare lo schema dell’abbandono

-allattamento (legato alla prosperità, al rapporto con il piacere e con il cibo),

senso di colpa primario (legato al dolore della madre e alla separazione)

che può far sviluppare il pensiero “la mia vitalità ferisce la fonte dell’ amore”, ” io devo salvare tutti dal dolore e dalla sofferenza”.

Nella biografia immaginaria della sua famiglia, Jodorowsky afferma che ogni bambino ha il diritto d’essere concepito attraverso “l’orgasmo cosmico”, durante un momento speciale in cui entrambi i partner sono completamente presenti , in un momento di totale apertura e ricettività. Il bambino dovrebbe ricevere un benvenuto speciale alle origini della sua esistenza, persino allo stadio di semplice idea. Dovrebbe essere un momento di pura gioia in cui l’ego di entrambi viene dissolto nel piacere vibrando al ritmo della vita. E così dovrebbe essere se i genitori avessero la premura di risolvere il loro personale trauma di nascita per concepire con una maggiore consapevolezza, liberi dalle catene del passato e dalla continua celebrazione dei loro irrisolti.

il lavoro interiore per trasformare il trauma in opportunità è il regalo più importante da fare a se stessi, ai propri genitori e antenati e ai propri successori

Uno dei primi, nel mondo occidentale, a comprendere il legame tra le condizioni di nascita e l’influenza che questa aveva sui comportamenti successivi fu il medico francese Frédérik Leboyer , che con il suo libro Per una nascita senza violenza indicò un nuovo atteggiamento nei confronti della nascita, dimostrando che un ambiente calmo e adeguato il più possibile alle esigenze del bambino (quindi con ridottissimi elementi di disturbo quali luci intense, rumori forti e temperature estreme) permetteva che i neonati venissero al mondo in modo più sereno, rivoluzionando così la cultura del parto praticata sino in quel momento.

Infatti, anche se la nascita é normale, di per sé, é un evento intenso e a volte drammatico per il nascituro; possiamo dire che la natura ha però preparato il bambino ad affrontarla e a far sì che, con l’amore dei genitori, possa facilmente superarlo .

Sia la madre che il bambino hanno avuto nove mesi per prepararsi a un parto che si svolga il più tranquillamente possibile grazie ai flussi ormonali che sincronizzano le reciproche reazioni: se non ci sono interferenze nelle fasi del processo, la nascita avviene naturalmente.

È fondamentale che il bambino resti con la madre finché non si è ripreso dalla fatica del parto e non si è ambientato; che il taglio del cordone ombelicale avvenga quando il bambino ha incominciato a respirare in autonomia, rispettando la gradualità del processo di movimento ed espansione dei polmoni; che si lasci tempo alla madre e al figlio di instaurare il nuovo legame.

Il rispetto dei tempi naturali sia durante il travaglio e il parto, che nella fase immediatamente successiva, permetterà che il dolore fisico provato dalla madre non si trasformi in uno stimolo minaccioso per il bambino, con la successiva registrazione del trauma.

 Leboyer scrive:

Questo istante della nascita, è per il nascituro un momento di fragilità estrema: bisogna rispettarlo! Il bambino è tra due mondi: su una soglia.

Esita. Non fategli fretta. Non spingetelo. Lasciatelo entrare.

Che momento! Che cosa strana!

Questo esserino che non è più un feto e non è ancora un neonato.

Non è più dentro la madre, l’ha lasciata.

Eppure lei respira ancora per lui

È l’istante analogo a quello in cui l’uccello corre con le ali spiegate e poi di colpo, appoggiato sull’aria, volerà.

Quando si è staccato da terra, quando ha decollato?

Non si sa. Come non si sa dire quando la marea che sale comincia a ridiscendere.

Un momento ineffabile, impalpabile, il momento della nascita, quello in cui il bambino lascia la madre…

Questo momento fragile, impercettibile, voi, con le vostre mani rozze, non dovete toccarlo senza capire.

Lasciate stare il bambino. Lasciatelo fare. Voi siete degli zotici. Voi non capite più nulla dei misteri.

Il bambino viene dal mistero.

E sa.

Guardatelo, sta avvicinandosi alla riva. Le onde lo spingono ancora. Lo sollevano in alto sopra la rena.

E finalmente lo posano. Eccolo libero. E terrorizzato di esserlo. Non intervenite.

Lasciatelo stare. Lasciatelo fare. Lasciategli il tempo.

Il sole si alza forse di colpo?

Tra il giorno e la notte non indugia forse l’alba incerta, e la lenta maestosa gloria della aurora?

Lasciate alla nascita la sua lentezza e la sua gravità

Questo momento miracoloso che ci sfugge è come la fine del sonno: si dorme.

Eppure, di colpo, ci si rende conto: oh sto per svegliarmi. Si è tra due mondi”

( estratto dal testo ” Le Sette Porte dell’Anima” di Sabrina Vaiani)

Please follow and like us:

La Nascita

images

Tra le innumerevoli quantità di avvenimenti di cui facciamo esperienza quello che viene definito schema di nascita ha un’importanza fondamentale per la formazione della nostra struttura mentale e della nostra trama energetica.

Nel momento in cui avviene la decisione dell’anima di compiere questa esperienza nella materia tutto inizia, la magia si compie e si creano le basi affinchè avvenga il concepimento.

Durante la gravidanza il feto attraversa sensazioni, emozioni e fatti che si trasformeranno in pensieri profondi sulla vita, sul mondo, sugli uomini, sulle donne e su se stesso. Lo schema di nascita è un vero imprinting, un insieme di condizionamenti estremamente potenti e radicati, di cui, peraltro, non siamo consapevoli minimamente. Per questo motivo la nostra nascita determina quella che sarà la nostra vita.

Lo schema di nascita è formato da: Concepimento – Fase intrauterina – Travaglio e parto – fase post-natale (allattamento).

Nelle relazioni queste fasi si ripetono in modo inconsapevole, sempre.

C’è una ricerca costante nella reiterazione di questi passaggi poichè rappresentano il ponte che l’anima ha attraversato per esprimersi nella personalità che vive, che rappresenta e che deve comprendere e trasformare se vuole realmente evolversi e rendere l’esperienza della vita costruttiva.

La Nascita rappresenta la paura che l’essere umano ha del cambiamento, della separazione e dell’abbandono.

Le implicazioni sono cosi profonde che il nostro cammino  protende alla continua trasformazione o alla continua fuga da quel cambiamento che è stato così traumatico, e lo è stato a prescindere, per  sua stessa natura. E’ il passaggio da un’area protetta, calda, avvolgente e acquea e da una condizione simbiotica, ad un’altra, totalmente diversa, in cui si prende pieno possesso del corpo e delle emozioni e si vive il distacco tangibile da colei che ci ha accolto nel suo ventre per nove mesi, che lo rende tale.


Please follow and like us:

la ghiandola pineale

 

 

images (1)

 

La ghiandola Pineale, definita dagli Antichi “Terzo Occhio”,è una ghiandola endocrina, appartiene all’epitalamo ed è collegata mediante alcuni fasci nervosi pari e simmetrici (peduncoli epifisari), alle circostanti parti nervose. Le sue cellule, i “pinealociti” producono la melatonina che regola il ritmo circadiano sonno-veglia, reagendo alla poca luce.

Per Cartesio la ghiandola è il punto privilegiato dove Mente e Corpo  interagiscono attraverso l’intercessione dell’anima.

Egli scriveva:  Come si vede che questa ghiandola è la principale sede dell’anima.

Mi sono convinto che l’anima non può avere in tutto il corpo altra localizzazione all’infuori di questa ghiandola, in cui esercita immediatamente le sue funzioni, perché ho osservato che tutte le altre parti del nostro cervello sono doppie, a quel modo stesso che abbiamo due occhi, due mani, due orecchi, come, infine, sono doppi tutti gli organi dei nostri sensi esterni. Ora, poiché abbiamo d’una cosa, in un certo momento, un solo e semplice pensiero, bisogna di necessità che ci sia qualche luogo in cui le due immagini provenienti dai due occhi, o altre duplici impressioni provenienti dallo stesso oggetto attraverso gli organi duplici degli altri sensi, si possano unificare prima di giungere all’anima, in modo che non le siano rappresentati due oggetti invece di uno: e si può agevolmente concepire che queste immagini, o altre impressioni, si riuniscano in questa ghiandola per mezzo degli spiriti che riempiono le cavità del cervello; non c’è infatti nessun altro luogo del corpo dove esse possano esser cosí riunite, se la riunione non è avvenuta in questa ghiandola.”

Le informazioni ricevute dai campi di energia sottile attraverso la ghiandola pineale sono decodificate e trasmesse lungo la colonna vertebrale; viaggiano attraverso i canali della struttura energetica che compongono l’anatomia sottile dell’essere umano.

E’ una piccola antenna in grado di captare i segnali più profondi e decifrare i messaggi spirituali che possono risvegliare la consapevolezza della propria reale natura. Permette di  vivere esperienze dimensionali importanti, pertanto possiamo definirla come un “piccolo portale verso l’infinito”.

La percezione dell’essere umano è condizionata e determinata dalla ghiandola pineale, il suo risveglio è fondamentale per il percorso interiore.

Essa produce la melatonina che determina la qualità e la durata del sonno.
Regola anche i ritmi circadiani giornalieri e stagionali, i modelli di sonno /veglia che determinano i livelli di ormoni, i livelli di stress e le prestazioni fisiche.
La calcificazione è il problema più grande per questa ghiandola. Il fluoruro si accumula nella ghiandola pineale più di qualsiasi altro organo e porta alla formazione di cristalli di fosfato. Più la ghiandola pineale s’indurisce a causa della produzione di cristalli, meno melatonina viene prodotta disturbando il ciclo veglia/sonno. L’involuzione della Ghiandola Pineale avviene per mezzo di una scorretta educazione alimentare, per l’ assunzione infinitesimale ma costante e giornaliera di fluoro nelle acque negli alimenti e nei dentifrici, per la mancanza di meditazione e la costante adesione a modelli comportamentali stereotipati che costringono la mente a cristallizzarsi su pensieri e azioni ripetitive e autosabotanti.

il risveglio di questa ghiandola porta un rinnovamento nello spirito e nel corpo, rallenta il processo di invecchiamento, apre la mente a nuove intuizioni, consente di coltivare il processo di evoluzione e smettere di acconsentire a un programma di condizionamento costante e limitante.

L’essere umano crede di essere libero e di fatto non lo è, non può ritrovare questo stato fin quando non comprende che il suo corpo è un veicolo che deve imparare ad usare per permettere alla  mente di allinearsi con la verità invece di continuare a credere all’illusione che la nostra percezione limitata ci offre costantemente.

Il crystal mind agisce su questa parte, permette di accedere a quel tesoro inesplorato fatto di connessioni neuronali, di allineamento degli emisferi e di produzioni ormonali , nettare divino che riattiva la coscienza addormentata, caduta negli strati più oscuri della consapevolezza.

Il risveglio è un percorso che inizia con un impulso fatto di voglia di conoscere e prosegue con la volontà di acquisire strumenti per poter scoprire il vero essere che si cela dietro le barriere della personalità.

E’ una strada costellata di scoperte, di ostacoli e di ricadute ma in quei rari momenti in cui la verità si disvela e per un attimo l’ illusione crolla, tutto diventa pieno di significato e di indescrivibile luminosità e la ricerca torna ad avere senso.

Se l’istinto suggerisce quella direzione,  si può ignorarlo?  Si può davvero accettare di non conoscere la struttura del nostro essere e reprimere quella voce che insinua il dubbio sulla direzione e sul mondo conosciuto? Si può davvero credere solo a quello che vedono gli occhi?

Certo non si può credere a quello che altri raccontano se non si vive l’esperienza della ricerca, poichè la vera conoscenza non si acquisisce sui libri ma solo con il coraggio di provare ad andare oltre il conosciuto e la rassicurante favola che tutti contribuiamo a mantenere viva.

I sublimi paesaggi interiori, illusori anch’essi, sono rivelatori e ingannevoli, permettono di ritrovarsi e perdersi contemporaneamente, ma dietro le mille porte del sogno, sono nascoste le porte dell’infinito.

E un terzo occhio risvegliato, forse, può discernere l’una dall’altra.

 

 

Please follow and like us:

Crystal Mind®

Questo è un metodo di risveglio interiore.
Ognuno di noi è proteso verso il cielo, verso la conoscenza di sé.
L’essere umano è immerso in un oceano di energia e può attingere a quella forza e a quella conoscenza che permettono di sciogliere l’illusione.
Negli ultimi anni la fi sica quantistica ha dato un supporto importante alle discipline di crescita personale, svelando che le intuizioni dei ricercatori spirituali hanno un riscontro importante nel campo della ricerca scientifica.
Il Crystal Mind nasce dall’ispirazione, dall’intuizione e dalla sperimentazione.
Una ricerca decennale nei mondi interiori ha dato forma ad un metodo vibrazionale molto elevato, semplice ed immediato.
Ognuno di noi è accordato ad una certa frequenza, ciò permette di avere la percezione del mondo che conosciamo.
Elevando la nostra vibrazione si destano qualità interiori sopite e talenti celati.
Si iniziano a sciogliere quei condizionamenti e quelle idee autosabotanti che creano una vita limitante.
Crystal mind, attraverso un percorso di risveglio della coscienza, permette alla persona di riconnettersi con il vero sé, ampliare le percezioni tanto da attivare i sensi conosciuti e quelli dimenticati.
Attraverso molte applicazioni pratiche si apprende l’arte della meditazione e l’uso cosciente dell’energia.
In questo seminario si sperimentano tecniche potenti che permettono lo spostamento nello spazio con il corpo astrale e il riequilibrio del campo energetico.
Esplorando l’anatomia sottile si scoprono nuovi mondi.
Attraverso la conoscenza e l’accordo degli elementi si sbloccano le energie condensate.
Durante il seminario c’è un processo di trasmutazione tale da attingere alle facoltà interiori che saranno utilizzate immediatamente nella vita quotidiana.
Tutto intorno a noi è proteso verso il cambiamento, il movimento dell’universo favorisce il salto quantico.
L’essere umano è una parte che contiene l’intero e i tempi sono maturi per il risveglio. La conoscenza è la chiave per uscire dall’illusione, aprirsi all’amore, divenire esseri completi. I malesseri di questo tempo sono un segnale ed è necessario ascoltare la voce interiore per andare oltre all’apparenza delle cose e leggere i messaggi che si dipanano tutti intorno a noi.

Please follow and like us: